*
*
martedì 21 ottobre 2014, ore 00:46 , utenti connessi :
Appuntamenti Appuntamenti
  Home page    I libri    Biografia    Video    English    Mailing List
Una piazza che non ci saremmo aspettati
























(Audio/video di tutti gli interventi)

ENGLISH FOLLOWS


Non ci aspettavamo quello che potete vedere ora nella foto. Questa è piazza Montecitorio, la piazza del Parlamento Italiano: si vede il Palazzo in fondo alla piazza e davanti moltissime bandiere israeliane. Questo è accaduto mercoledì 14 gennaio, dalle 18:30 alle 21:30. Quello che non riuscite vedere in questa foto, invece, è il numero straordinario e la varietà di parlamentari, circa 100 dei vari schieramenti politici, che hanno preso parte alla nostra maratona oratoria: per circa tre ore abbiamo parlato del ruolo di Israele, il suo diritto alla difesa, la sua moralità, la sua lotta in nome di tutti noi, della nostra civiltà e dei nostri valori contro l’odio selvaggio propugnato dalla Jihad Islamica, questa volta nelle sembianze di Hamas. Mi sembra che, per la prima volta nella troppo lunga storia del conflitto arabo-israeliano, eccetto una minoranza di pazzi sinistroidi e fascisti che hanno manifestato con slogan antisemiti, abbiamo ottenuto un enorme consenso su un punto cruciale: questo non è un altro episodio di un conflitto locale, non c’è nulla in esso che ricordi il motivo del land for peace, pace in cambio di territori, che ha caratterizzato in passato la questione palestinese. Questo è un frangente dell’attacco contro il mondo occidentale e l’Iran ha molto a che vedere con esso.

Il cambio di atteggiamento è grande: la natura dittatoriale di Hamas da una parte e quella democratica e civile di Israele dall’altra sono percepite, in questo faccia a faccia, per questa loro essenza, quantomeno dalla maggioranza delle elite europee, nonostante i morti e i feriti e ciò porta a una identificazione con Israele contro un regime che fa uso di scudi umani e promette di ammazzare gli ebrei nella sua Carta fondamentale.
Ciò che stiamo vivendo oggi, almeno in Italia, è la sconfitta e caduta delle ideologie di sinistra, per lungo tempo la foglia di fico che ha permesso di giustificare tutti i maggiori crimini e i più disgustosi attacchi verbali. Che Arafat lanciasse l’Intifada del terrore, che incitasse il martirio di bambini in discorsi pubblici, le ideologie sono sempre state pronte a giustificarlo per via dell’occupazione, della miseria dei Palestinesi e della perdita di qualsiasi speranza. Non è lo stesso con Hamas. La storia, in Italia, ha portato a una crisi profonda dell’ideologia rivoluzionaria e della legittimazione di ogni crudele attacco nei confronti di un presunto ordine imperialistico ingiusto. Quei tempi sono perlopiù passati, nessuno vedrà Hamas come la soluzione del problema e non come il problema in sé.
Penso anche che la parola “pace” abbia perso quel significato curativo che l’ha caratterizzata fino a ieri. Un nuovo punto di vista, non ideologizzato, percepisce che non c’è pace quando uno dei contendenti non la vuole e che, anche se il mondo chiede, nel breve termine, una tregua, nel lungo termine richiede la sconfitta di Hamas.
Bene, mercoledì sera molte persone, Ministri e Parlamentari hanno dato vita a una nuova e interessante varietà di opinioni. Credo che quando non si è sopraffatti da un esotico terzomondismo, le immagini dei bambini educati come macchine d’odio, i discorsi dei leader della Jiahad, da Ahmadinejad a Nasrallah, ad Hanyeh, che negano la Shoah e promettono la morte degli ebrei e pure dei cristiani, abbiano su di noi un effetto di grande disgusto. Gli Occidentali, grazie a Dio, possono ancora rimanere disgustati dal livello incivile del discorso politico.
Ma, più di ogni altra cosa, in piazza Montecitorio molti dei Parlamentari hanno detto: “Io amo Israele”. Non potete immaginare quanti.

(Foto per gentile concessione di Daniele Scudieri, fotogiornalista)


Dear friends,
we didn’t expect what you see now in the picture. This is the square of the Italian Parliament in Rome, Piazza Montecitorio: you can see the Palace on top of the square, and in front a lot of Israeli flags.That was Wednesday night, January 14, from 6,30 to 9,30 pm. What you cannot see here, is the extraordinary number and variety of members of the Parliament, about 100 from all political sides, that took the stage during our marathon: for about three hours we have been speaking about the role of Israel, its right to self defense, its moral height, its fight in name of all of us, of our civilization and values, against the wild hate of the Islamic jihad represented by Hamas. It seems to me that for the first time in the too long history of the arab Israeli conflict, apart from a minority of crazy leftists and fascists that took the street on anti-Semitic slogans, we have obtained a huge consensus about one critical point: this is not an episode of a local conflict, there is nothing in it that reminds the land for peace theme that has characterized the Palestinian issue. This is an episode of the attack agains the western world, and Iran has a lot to do with it.
The change of attitude is great: the dictatorial religious nature of Hamas and the democratic, civilized nature of Israel are seen face to face for what they are al least by the European elite at large, dead and wounded notwithstanding, and there rises an identification with Israel against a regime that uses human shields and promises slaughters of Jews in its Chart.
What happens today, at least in Italy, is the defeat and fall of the leftist ideologies: ideology has been the fig leaf that has allowed to justify all the most violent crimes and most disgusting verbal attacks. If Arafat launched the terrorist Intifada, if he promoted the martyrdom of children in public speeches, the ideologists were ready to justify him with the issues of occupation, the Palestinian misery and loss of any hope. Not the same with Hamas. History, in Italy, has brought to a profound crisis the ideology of revolution and the justification of any cruel attack against a pretended unjust imperialist order. That time is in good part over, nobody will see Hamas as the resolution of the problem and not as the problem itself. I also think that the word “peace” has lost that healing meaning that it had until yesterday. The new non-ideological point of view sees that there is no peace when one of the contenders doesn’t want it, and that even if the world in the short run asks for a truce, in the long run requests a defeat of Hamas.
Well, yesterday night many people, Ministers and Members of Parliament, composed a very new, interesting puzzle of opinions. I  think that when you are not overwhelmed by exotic thirdworldism, the images of children educated as hate machines, the speeches of jihad leaders, from Ahmadinejad to Nasrallah, to Hanje, that deny the holocaust and promise death to Jewish and Christians too, have on us a result of great disgust. Westerners, thanks God, can still be disgusted by an uncivilized level of political speech.
But most of all, in the Parliament square, many of the Parliament Members said: “I love Israel”. You can’t imagine how many.

(Photo courtesy of Daniele Scudieri, photoreporter)


Facebook  Twitter





Danny , Italy
Pubblicato sabato 14 febbraio 2009 alle ore 11:52:50

x scetticodevo dire che sono estasiato dalla sua profonda analisi. Se lei per assurdo avesse ragione (e stia tranquillo che non ce l'ha) tutti gli israeliani sarebbero pazzi. è vero che l'antisionismo coincide con l'antisemitismo e non lo dico io, ma lo dicono i fatti: l'antisionismo dell'estrema destra non è altro che antisemitismo e pure l'antisionismo di Stalin mascherava un viscerale odio per gli ebrei che sfociò nelle purghe antiebraiche(nonostante prima avesse sfruttato per fini politici migliaia di ebrei ingenui). E ripensi a quando negli anni '70 i comunisti assieme a quei gran geni della cgil portavano le bare con scritto "Israele" davanti alla sinagoga di Roma. Se antisemitismo e antisionismo non coincidono questi signori, per rigor di logica, avrebbero dovuto portare le suddette bare davanti all'ambasciata degli israeliani "cattivi cattivi" e non davanti ad un luogo di culto degli ebrei. Quindi è logico che le due cose sono strettamente correlate e constato con rammarico che esiste moltissima ignoranza sugli ebrei e sullo Stato di Israele



Enrico Richetti , Vicenza
Pubblicato venerdì 13 febbraio 2009 alle ore 19:20:38

Brava Fiamma! Ho aperto un mio blog,pensierifallacidienrico.ilcannocchiale.it in cui tra l'altro mi occupo di sionismo, ebraismo e diritti umani. Shalom



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 13 febbraio 2009 alle ore 13:32:33

Non ho ben capito la frase "L'azione di Israele e' chiaramente votata a accentuare i fenomeni di antisemitismo.........PER GIUSTIFICARE SE STESSO" Gli antisemiti odiano gli ebrei con o senza azioni da parte di Israele.SE pensi che Israele intenzionalmente svolga determinate azioni (difesa) per "alimentare volontariamente" l'antisemitismo per poi gridare allo scandalo.........beh, sei fuori strada completamente.Non e' affatto vero che non esisterebbe sionismo senza antisemitismo E VICEVERSA.Il sionismo e' nato 150 (+ o -) anni fa come movimento politico con lo scopo di fornire una patria agli ebrei che nella loro bimillenaria diaspora continuavano a subire persecuzioni (antisemitismo) ovunque nel mondo - con l'apoteosi nei lager nazisti - L' antisemitismo e' un fenomeno infinitamente piu' antico del sionismo. Questo dimostra che vi e' stato antisemitismo senza sionismo.Il sionismo, poi, e' diventato UNA SCUSA BELLA E BUONA per esacerbare e giustificare ancora di piu' l'antisemitismo di chi gia' odiava gli ebrei.Attualmente gli antisemiti sono personaggi di una certa destra, di una certa sinistra e la grande maggioranza degli arabi.E' vero che criticare Israele non significa per forza essere antisemiti. Dipende pero' dal modo in cui lo si critica.E quelli che sono scesi in piazza a urlare come galline spennate in quei giorni con le bandierine della pace, di hamas e di che guevara possono tranquillamente essere annoverati fra gli antisemiti.



Scettico , Italia
Pubblicato martedì 10 febbraio 2009 alle ore 21:34:43

Secondo me le discussioni di questo post dimenticano, nonostante sia "specializzato", cosa è sionismo e antisemitismo. L'azione di Israele è chiaramente votata a accentuare i fenomeni di antisemitismo in Palestina come nel resto del Mondo per giustificare se stesso. Mi sembra tanto palese che quasi mi vergogno a ricordarlo. Analogamente, il sionismo ha sempre fatto dell'antisemitismo la ragione della sua esistenza. Non esisterebbe sionismo senza antisemitismo, e viceversa. Così come non esisterebbe ora la politica aggressiva ed invasiva di israele senza Hamas e Hezbollah. La politica aggressiva fa comodo ad Hamas (fertilizzante per i consensi) ed alla politica dell'ultradestra Israeliana fautrice della "Grande Israele". Separiamo i problemi e proviamo a ragionare sui fatti senza l'assioma "chi critica israele è antisemita". Forse la discussione potrebbe diventare piú interessante e reale.



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 6 febbraio 2009 alle ore 17:43:29

@PINCOPALLOSe i qassam hanno fatto meno morti degli 800 circa del terrorismo basco e' solo un mero caso. Avrebbero potuto essere molti di piu' (per la gioia di Hamas). Non e' solamente il nr di morti che determina la reazione di uno stato. Qui Israele e' sotto attacco quotidiano. Se lo fosse stata la Spagna (sotto attacco quotidiano) avrei ben voluto vedere. E smettila di dire che faccio finta di non capire: sei tu che ti contorci perche' non hai argomenti. Io mi baso su quello che scrivi. E ti ho ampiamente confutato. Se poi ne fai una questione di orgoglio e ti arrovelli per dimostrarmi che sono io che non capisco.... beh, allora ti saluto definitivamente, non spreco piu' il mio tempo. Chi leggera' in qs. post giudichera'.



pincopallo , italia
Pubblicato giovedì 5 febbraio 2009 alle ore 18:52:04

Mi spiace che tu non voglia capire quanto ho scritto e rigiri la frittata portando argomentazioni che nulla hanno a che fare con quello che ho scritto. Tutto questo và a scapito della tua intelligenza, ma credo che tusappia benissimo di cosa parlo e fai finta di nulla perchè ho centrato, forse, il bersaglio.Quindi mi sono rotto le scatole didirti per la venticinquesima volta chenon sono contro la decisione diisraele di intervenire ma di come lo hafatto. Se poi l'italiano non lo intendi bene o fai finta di non capirlo è un problema tuo, cerca di stare più sereno. PS. Nei paesi baschi ci sono stati più morti diquanti non abbiano fatto i razzi kassam, quindi informati bene prima di parlare. Troppo ovvio capire che fanno più notizia dei morti in medio oriente che non in sri lanka perchè molti degli equilibri politiciodierni ruotano attorno ai problemi occidente/islam/medio oriente anzichè Sri lanka/Tamil. Le parolacce le usano gli ignoranti quando non sanno argomentare, vedi un pò tu... Quante ne ho usate io qui?



roni , jerusalem, israel
Pubblicato sabato 31 gennaio 2009 alle ore 11:30:24

very touching .. thank you!



Andrea , Como
Pubblicato giovedì 29 gennaio 2009 alle ore 12:33:10

@ PINCOPALLOVeramente quando sei entrato in qs. post avevi toni tutt'altro che civili: Israele strategista della tensione (in pratica guerrafondaio) e ci hai gridato 3 volte vergogna per il nostro "razzismo". Queste sono scientificamente cazzate.Questione ETA: la portata del terrorismo basco e' di gran lunga inferiore a quello islamico. Si provino, i baschi, a tirare ogni giorno 50-100 razzi, a nascondere armi nelle chiese e nelle scuole ecc.. e VEDIAMO se il governo spagnolo attende 8 anni prima di intervenire.Questione Srilanka: dalla risposta che hai dato a Nick hai chiaramente fatto intendere che 300 bambini morti nella guerra di Gaza sono un fatto + grave rispetto alla medesima cosa in Srilanka.Cio' non e' vero. Questo post tratta proprio della manifestazione pro Israele indotta per compensare appunto i piazzaioli cretini che urlano solo quando c'e' di mezzo Israele. In Congo il giorno di Natale (solo il giorno di Natale) c'e' stato un massacro di 400 persone. E nessuno ha detto cip. In primis i pacifinti BAMBA.Questione Cremonesi - si legga qui -----http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=27816----Dici che gli Ebrei hanno la paranoia dell'antisemitismo? Dopo la bimillenaria diaspora caratterizzata da continue persecuzioni dovute all'IGNORANZA, alla STUPIDITA', al PREGIUDIZIO, dopo l'olocausto nazista, gli Ebrei sono tuttora vittime dell'odio antisemita degli arabi e dei cogl.... di estrema sinistra e destra occidentali. Direi che la paranoia e' piu' che giustificata.Saluti



Andrea , Como
Pubblicato giovedì 29 gennaio 2009 alle ore 08:56:59

@NICK DELOITEATTENZIONE:Andrea , ComoPubblicato venerdì 23 gennaio 2009 alle ore 15:35:21@ PINCOPALLO-------------"@nick: in sri lanka si combatte una guerra civile interna, qui si parla di un attacco fra un stato che esiste e uno che dovrebbe esistere, la differenza è sostanziale"------------Quindi sei venuto a moralizzare in qs sito su 300 bambini uccisi (forse) e dimostri di fregartene se la stessa cosa fosse successa in srilanka.Sei proprio un BAMBA!!!Forse non hai capito che BAMBA e' Pincopallo non tu!!! La lettera era per Pincopallo se leggi bene ho messo "" tra virgolette la risposta che lui aveva dato a te. Leggi bene le mie risposte e capisci con chi sto.Ciao



Nick Deloite , Elberton, GA USA
Pubblicato martedì 27 gennaio 2009 alle ore 22:30:07

Andrea da Como (in cantevole citta')Forse tu non hai capito.Quello che volevo dirti e' il seguente:Perche' 300 -400 morti Palestinesi occupano tantissimo spazio sui mediamentre nemmeno una parola viene spesa per i bambini del Sri Lanka , a prescidnere da che tipo di guerra sia, i morti sono morti punto e basta; e che dire del Darfur ?Perche' quando muore un palestinese scendete in piazza a sparare ca....te ?Invece per gli "altri" morti non spendete nemmeno una parola ?Se hai capito dovresti ritare il "bamba" se non hai capito beh spiace per te ma non ti giudico perche' il bamba che tu mi hai dato e' molto meglio di quello che potrei considerarti se ancora non hai capito il mio ragionamento.Comunque vedo che la stampa di sx vi ha bene commisturati con i maomettani, auguri .....per il futuro roseo con loro vicino.Shalom



pincopallo , italia
Pubblicato martedì 27 gennaio 2009 alle ore 20:37:00

Visto poi che qualcuno cita Lorenzo Cremonesi ecco un estratto di un articolo più recente: ... Tutto ciò non toglie la gravità degli effetti dei bombardamenti israeliani a Gaza. L’impressione che ebbi sin dal primo giorno fu che Israele non mirasse tanto a colpire militarmente Hamas, quanto piuttosto intendesse punire la popolazione civile...



pincopallo , italia
Pubblicato martedì 27 gennaio 2009 alle ore 20:27:08

Rispondere ad argomentazioni non allineate alle vostre in un sito filo-israeliano è difficile, soprattutto se le idee diverse vengono definite "cazzate". Non mi sono permesso di definire così le vostre quindi gradirei, se siete persone civili, di fare altrettanto. NON sono antisemita, ODIO Hamas, ma evidentemente non accettate le critiche civili che vi vengono fatte da persone che non la pensano come voi. Ho visitato moschee nel mondo così come le sinagoghe. L'antisemitismo qui non c'entra proprio nulla, ma è difficile evidentemente farvelo comprendere sebbene io lo abbia scritto più volte. I dati sul numero degli "assassini" (così vi piace di più?) di Hamas sono stati forniti dallo stesso stato israeliano per giustificare l'assalto. Avete visto i recenti servizi sull'utilizzo del fosforo in aree abitate? Sono montature del tg1, tg2, di Repubblica, del Corriere, della Reuters e dell'Onu? La mia è una critica sul metodo di attacco di Israele, incivile e vigliacco, non sulla corettezza della scelta di farlo, sebbene deprecabile. Bollare chi non la pensa come voi da "antisemita" a chi ha visitato, emozionandosi, il campo di Mathausen in Austria è offensivo e poco intelligente. Sono stato al campo di Fossoli di Carpi forse più volte di quanto non ci siate stati voi eppure mi bollate di antisemitismo: se non volete, perchè il sospetto è questo, capire cosa voglio dire vi auguro di avere un fututo più sereno e di liberarvi dalla paranoia di antisemitismo che vi pervade. Ps. dove avrei scritto che "me ne frego" del problema Sri Lanka? Del paradosso basco non dite nulla? Saluti.



elena steingardt , bologna/italia/israele
Pubblicato venerdì 23 gennaio 2009 alle ore 15:57:02

per pincopallo e a tutti come lui: ascolta apri gli occhi!!!! ti hanno gia' chiesto e io ti ripeto : ma dove vivi???? non credo che non capisci o non vedi la verita' , per cui l'unica spiegazione di tutte le cazzate che dici e' il tuo oddio verso israele e gli ebrei. ma che vuoi farci capire??? che i palestinesi quelli che hanno scelto hamas che non vogliono ne il loro stato ne pace ne vita ma vogliono solo la morte agli ebrei e ad israele sono le vittime???? ma fammi piacere!!!! secondo te il popolo ebraico e governo israeliano devono subire i lanci di qassam, grad, la morte dei bambini, ragazzi, donne, anziani israeliani negli atti terroristici etc solo perche' in israele si vive meglio, perche' in israele la vita e' amata, perche' in israele da 60 anni lavorano giorno e notte per far diventare il deserto un'oasi, un giardino, perche' israele non chiede aiuto a nessuno, perche' israele fa le feste per festeggiare la vita e non fa le feste per festeggiare la morte come fanno i palestinesi (l'11 settembre), si puo' continura questa lista al'infinito!! tutto cio' che ha israele e' il merito suo, riuscito con tanto sudore degli israeliani!!! allora perche' israele deve sentirsi in colpa di vivere meglio???cosa faceva il popolo palestinese tutti questi 60 anni??????con tutti i soldi che ricevono sia dai paesi arabi che da israele? nutrivono, coccolavono, crescevano il loro oddio?? cullavono la loro speranza di distruggere israele sacrificando i propri bambini facendoli diventare marteri???? la guerra a gaza e stata necessaria come mai prima!!! e spero che da adesso ad ogni razzo da gaza per izraele la risposta non si fara' aspettare altri 8 anni'! lasciate in pace israele!!!! e' uno stato che vuole vivere in pace, che vuole shalom a tutti e a se stesso!!!! forse dopo aver letto l'articolo di sotto capirete qualcosa o vi fa togliere i vostri occhiali di antisemitismo,anche se antisemitismo e' una malatia grave ed è da curare curare e curare...http://www.shoebat.c



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 23 gennaio 2009 alle ore 15:35:21

@ PINCOPALLO"@nick: in sri lanka si combatte una guerra civile interna, qui si parla di un attacco fra un stato che esiste e uno che dovrebbe esistere, la differenza è sostanziale"Quindi sei venuto a moralizzare in qs sito su 300 bambini uccisi (forse) e dimostri di fregartene se la stessa cosa fosse successa in srilanka.Sei proprio un BAMBA!!!



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 23 gennaio 2009 alle ore 14:32:47

@ PINCOPALLORichard Falk puo' tranquillamente dire fesrie. Si sa che l'ONU non ha in simpatia Israele. Anche perche' nessuno lamenta il fatto che anche l'Egitto abbia tenuto ermeticamente chiusa la sua frontiera.Israele fu accreditato di vilazioni anche a Jenin, di schiacciare coi bulldozer gli inermi civili (compreso un invalido) e di sparare e massacrare sistematicamente la popolazione. Anche li si parlo' di piu' di 1000 morti, creando orrore e disgusto in tutto il mondo.Ma il tempo e' galantuomo, e la verita' e venuta a galla: 58 morti di cui 40 combattenti.Ma la frittata era fatta. Il mondo si indigno' contro gli assassini Israeliani la propaganda islamico-sinistroide ottenne il suo scopo.Qui una estimonianza della Croce Rossa----://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=27515 ----



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 23 gennaio 2009 alle ore 14:12:11

@ PINCOPALLOForse fai finta di non capire che da parte palestinese ci sono alcuni (Hamas) che della pace non sanno che farsene e NON GLIENE FREGA NIENTE DI 2 POPOLI 2STATI PERCHE' RIFIUTANO ISRAELE!!!!HAMAS NON COMBATTE PER LA CAUSA PALESTINESE MA PER LA CAUSA JIHADISTA DELL'IRAN E USA IL POPOLO PALESTINESE COME PRETESTO (E COME CARNE DA CANNONE)!!! SVEGLIAAAAAAAAAAA!!!!!!L'unica alternativa che ha Israele (a parte la bomba atomica) e' indebolire Hamas e fare in modo che la gente faccia ritornare Fatah, interlocutore piu' equilibrato.20.000 combattenti??? Queste sono cifre di Hamas, che come abbiamo visto di fesserie ne dice tantissime e ha mandato i ragazzini di 17-23 anni al macello.



pincopallo , italia
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 20:17:19

(AGI) - Ginevra, 22 gen. - Israele ha commesso crimini di guerra durante l'offensiva a Gaza. Lo ha detto il relatore speciale dell'Onu per i diritti umani nei territori palestinesi, Richard Falk, secondo il quale "l'evidenza della violazione del diritto umanitario e' talmente chiara che non ho nessun dubbio sulla necessita' di una indagine indipendente che dimostri che Israele ha commesso crimi di guerra". Falk ha precisato che considera che Israele ha commesso crimini di guerra e contro l'umanita' anche "applicando per 18 mesi un blocco illegale di alimenti, medicinale e combustibile" e il tutto "e' stato reso piu' grave da fatto che Israele non ha permesso alla popolazione civile di abbandonare la Striscia prima di bombardarla". Il crimine inoltre e' ancora piu' grave, ha spiegato il relatore, "se si aggiunge che il 70% della popolazione di Gaza ha meno di 18 anni".



pincopallo , italia
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 20:09:31

@ andrea: Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire a quanto pare... ribadisco quello che ho scritto e le notizie sui morti reali (fermo restando che 200 bambini anzichè 300 siano una bella notizia, da confermare) non cambiano la sostanza: il risultato di 22 giorni di guerra qual'è? Morte di 300 miliziani, di 200 bambini, 300 civili, case da ricostruire e pace ancora più lontana. Hamas ricostruirà i cunicoli, tra sei mesi ricominceranno a tirare i kassam e i palestinesi "normali" continueranno a fare la loro solita vita di "merda" (scusate ma ci stava). Il mio sospetto stà nel fatto che nemmeno da parte dello stato israeliano si voglia la pace. I miliziani sono stimati in 20000 unità circa, uccisi 500, fate voi le considerazioni dell'utilità di questa guerra? @nick: in sri lanka si combatte una guerra civile interna, qui si parla di un attacco fra un stato che esiste e uno che dovrebbe esistere, la differenza è sostanziale. Chi accetta la scommessa che fra qualche mese saremo punto e a capo? Che ne dite incominciamo a bombardare i paesi baschi in Spagna e in Francia? Israele non vuole la pace come Hamas ed è talmente palese questo che solo chi prende posizione di parte non se ne rende conto (o meglio non vuole, più probabile). Soluzione? Creare lo stato palestinese, espulsione degli arabi dallo stato di isrele, ritiro dai territori occupati e ognuno pensi al proprio interno. Forze internazionali di contrapposizione fra lo stato palestinese e israele, siria ed egitto. Ma le rappresaglie ebraiche, e 60 anni di storia insegnano, non servono a nulla. Chi accetta la scommessa?



Andrea , Como
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 17:07:07

@ PINCOPALLOcarissimo, l'esercito israeliano e' uno dei piu' moderni che ci siano. Utilizza la sua superiorita' per ridurre al minimo le perdite fra i suoi soldati e avere la maggior precisione possibile nel colpire i nemici. Ti ricordo che i vigliacchi sono quelli di Hamas, che si riempiono la bocca di proclami si autodefiniscono leonie minacciano scenari di distruzione. Israele non fa lo spaccone. Molti lamentano la disparita' di potenza militare fra Israele e Hamas. Ma se io ho un cacciavite e mi metto contro uno col mitra sono scemo io mica lui.La guerra non e' un gioco di fair play.Immaginati se per fair play gli Israeliani fossero entrati a Gaza senza aviazione e senza carri, un po' come una volta. A questo punto pero' avrei reclamato io una parita' morale, e cioe' che anche Israele poteva usare civili come scudi.Immagina che massacro.Hamas e' convinto di essere piu' forte perche' "voi volete la vita noi desideriamo la morte.." Eccoli accontentati....Mi chiedi cosa farei se fossi su un carro armato e avessi davanti un terrorista che mi spara coprendosi con 5 bambini.Penso ci siano diverse possibilita': potrei sparare un colpo nelle vicinanze per stordire o disperdere il gruppo aspettando che i cecchini facciano il resto - di solito i soldati avanzano coperti dai carri - potrei usare il mitragliatore del carro armato per limitare i danni, sinceramente NON sono un soldato e non sono esperto di tattiche di guerra. Ma la tua domanda mi fa venire il sospetto che TU invece sia convinto che i carristi israeliani, ebbri di sangue, chiusi dentro i loro Merkawa abbiano DELIBERATAMENTE, VOLUTAMENTE E SADICAMENTE colpito i bambini. Allora se hai pregiudizi, parlare e' inutile.Mi chiedi perche' la Signora Nirenstein non risponde ai post? E come faccio a saperlo????? Chiedilo a lei!!!



elena steingardt , bologna italia/israele
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 16:02:53

PER TUTTI COME PINCOPALLO E LORENZOLa verità comincia a farsi strada, lo scrive Lorenzo Cremonesi, in questo caso una garanzia. Siamo stati bombardati, nelle radio, in Tv, sui giornali, ogni bollettino di guerra era preceduto dalla solita macabra contabilità " i morti ad oggi sono...". Adesso le cifre cominciano a trapelare, e siamo lieti che il primo a darne notizia sia proprio Cremonesi, uno che le fonti palestinesi se l'è sempre bevute senza beneficio di inventario. Sul CORRIERE della SERA di oggi, 22/01/2009 a pag.1-5, scrive addirittura " il loro numero appare molto più basso dei quasi 1300 morti riportati da Hamas, i morti potrebbero essere tra 500 e 600, meno della metà. Strano che le organizzazioni non governative straniere le riportino senza verifica ". Strano ? Non diremmo proprio, e non solo le Ong, ma tutti media hanno creduto ciecamente alle "fonti palestinesi". Si legga anche dei letti vuoti negli ospedali di Gaza, mentre per tutto il tempo del conflitto sembrava che non ve ne fossero più di disponbili. Si sta ripetendo la stessa storia di Jenin, di Kana, della Chiesa dell'Annunciazione, con i media occidentali che pendono dalle labbra delle "fonti palestinesi", sparando cifre senza sentire il dovere professionale di verificarle. Le smentite, come sempre, arrivano tardi, così come il racconto dei crimini che realmente Hamas ha compiuto contro i cittadini di Gaza, raccontati nel servizio di Cremonesi. Quei numeri, quelle immagini, sono stati assorbiti dalle menti di coloro che stavano davanti ai teleschermi, sarà difficile cancellarle.Ecco l'articolo:"Così i guerriglieri di Hamas ci hanno usati come bersagli", pagina 1 e 5



Nick Deloite , Elberton, GA
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 15:49:30

Due pesi e due misure.Solo OGGI in Sri Lanka un attacco di artiglieria su un OSPEDALE ha fatto 67civili morti in un sol botto.Avete visto la notizia da qualche parte in internet ??? IO NON ANCORA. L'Aspetto con ansia, perche' se fanno notizia i poveri bambini Palestinesi [perche' i Cingalesi sono da meno?Ve lo dico io perche'.Perche ' NON sono maomettani, ecco perche'.Stampa maliziosa e maligna!



Marcello , Ravenna/Italy
Pubblicato giovedì 22 gennaio 2009 alle ore 11:34:23

Chi occupa? israelechi uccide? iraeleChi ha rotto VOLONTARIAMENTE la tregua?isr....no, è stato hamas - OHIBO'!!!!! ma GUARDA...a parte che israele i missili in testa ne prendeva qualcuno anche in quel periodo, hamas come hezbolla in libano hanno dato IL VIA a queste guerricciole DELIBERATAMENTE. Prima per anni lavano il cervello alla gente a fare la guerra e il martirio, poi quando davvero SI INIZIA MORIRE, solo allora "certa gente" si indigna. Ecco, cominciate a svegliarvi anche quando per anni si assiste all'indottrinamento dei bambini sulle tv e nelle scuole... indottrinamento all'odio... come faceva un certo signore con i baffetti e la svastica sul braccio... Ciao Fiamma



Antonella , Venezia
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 21:56:33

Per Lorenzo:mio caro, se in certe zone della Sicilia si presentasse alle elezioni la mafia, non credi che sarebbe entusiasticamente eletta? Beh, i poveri palestinesi hanno democraticamente eletto - con i finanziamenti europei ahimè - quelli a cui non gliene può fregar di meno di dargli uno stato, né di usarli come scudi umani, perchè Hamas non vuole uno stato palestinese, che metterebbe tutti contenti, ma vuole semplicemente distruggere Israele. E ti dirò di più: vorrebbe vedere morti tutti gli occidentali. Sveglia!!!



pincopallo , italia
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 21:48:26

Caro Andrea, mi sorge il sospetto che facciate finta di non capire per non rispondere: un popolo con i "cosiddetti" (scusate il termine) mette a repentaglio il proprio esercito cercando di stanare i terroristi uno ad uno, a costo di sacrificare soldati. E ora ti faccio una domanda: se tu fossi su di un carrarmato israeliano con un miliziano di hamas di fronte che si fà scudo con 5 bambini spareresti con un cannone o cercheresti di sparargli da vicino? Uno intelligente, coscienzoso e coraggioso la seconda ipotesi, uno vigliacco, senza coscienza e incivile la prima. C'è dubbio anche su questo? Se poi uccidere 300 bambini non vi pesa allora abbiamo un concetto di vita e rispetto completamente diverso. Fermo restando che Hamas è stata colpita solo parzialmente... scommettiamo che tra qualche mese i razzi kassam ripartiranno esattamente come prima? Altra domanda: ma come mai la titolare di questo blog non dice mai la sua nei commenti?



Andrea , Como
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 21:41:00

@Lorenzo:Precisiamo subito che Israele NON occupa un bel nulla. Israele si e' ritirato UNILATERALMENTE da Gaza nel 2005. Hamas e' stato eletto democraticamente dai palestinesi di Gaza e ha pensato bene di far fuori i fratelli di fatah per avere il dominio assoluto della striscia (circa 200 morti dal 2007 a oggi e nessuno ha detto cip).Da allora non ha fatto altro che distruggere invece di costruire.Hamas propugna la distruzione e l'annientamento dello stato di Israele. Se la popolazione di Gaza e' d'accordo di farsi governare da Hamas, ne paga le conseguenze.Ti ricordo che Hamas ha interrotto UNILATERALMENTE la tregua di 6 mesi negoziata tramite l'Egitto a giugno 2008. Israele era d'accordo per un prolungamento della medesima.Hamas invece ha ripreso a sparare missili a raffica, in coerenza con la sua ideologia di annientamento di Israele.Nessuno puo' permettersi di lanciare missili contro un altro Stato. Se lo fa, se ne assume le responsabilita'. Se il topo attacca il gatto non puo' poi piagnucolare se finisce graffiato.Qui nessuno sta esultando per i 1300 morti, bensi' quelli che scrivono sono disgustati dall'ignoranza, dallo pseudopacifismo e dall'ipocrisia dell' ideologia sinistroide.Tanti saluti.



Andrea , Como
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 14:22:18

@Pincopallo:1300 morti di cui quasi l ameta' civili (anche qui attenzione perche' molti miliziani sparavano vestiti in abiti civili e non in uniformi militari) 300 bambini morti (questi si che fa male!) in una zona densamente popolata come Gaza dopo 21 giorni di bombardamenti mi fa pensare che le IDF siano state precisissime. Ti ricordo che i miliziani di Hamas usano la popolazione come scudo. Ci sono filmati che fanno vedere le IAF (aeronautica) che intenzionalmente deviano i missili sparati verso obiettivi mobili di hamas quando questi si avvicinano ai civili. Ti ricordo che ci sono filmati che mostrano i miliziani di hamas che utilizzano scuole sia come trappole imbottite di esplosivo sia come rampe di lancio per mortai e missili. Ci sono filmati che mostrano miliziani di hamas che usano l'AMBULANZA per nascondersi durante gli scontri a fuoco.Certamente i combattenti di Hamas sono solo dei vigliacchi senza dignita' ne coraggio, buoni a nascondersi fra le sottane delle comari per sfuggire agli scontri. Ci sono filmati che mostrano i tetti degli edifici riempiti di donne per far desistere l'aviazione dal bombardare. Ti ricordo che hamas usa case, moschee e edifici civili per stipare armi e sparare.Difficile in un contesto del genere colpire solo miliziani. Israele non ha voluto annientare Hams (e' impossibile) ma ridurre al massimo la sua portata bellica, e sopratutto evitare lanci di razzi qassam che da troppo tempo venivano lanciati. I bambini palestinesi rispetto a quelli israeliani crescono nell'odio e nell'indottrinamento perche' hanno genitori che anziche' preoccuparsi per dargli un futuro migliore pensano solo a tramandare odio di generazione in generazione. Questo lascera' solo la popolazione palestinese nella poverta' nell'ignoranza e servira' solo a far prolungare il conflitto in eterno.C'e' da sperare solo che fatah riprenda il controllo della striscia, (anche se si stanno gia scannando fra loro - ma nessuno dice nulla) come in Ci



Lorenzo , Genova
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 12:51:17

«Hamas non è un gruppo di persone, un semplice manipolo di terroristi, ma una libera scelta del popolo palestinese che combatte per la libertà. C’è Hamas a Gaza ma anche in Cisgiordania, in Egitto, Giordania e Siria, in ogni Paese del Medio Oriente. Sa quando Hamas sparirà? Il giorno in cui Israele cesserà l’occupazione. Se lo Stato ebraico crede di raggiungere l’obiettivo con i cannoni, non ha proprio capito niente». (padre Manuel Musallam, il "parroco di Gaza", intervistato da Famiglia Cristiana http://www.stpauls.it/fc/0904fc/0904fc38.htm)



Lorenzo , Genova
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 12:30:44

Nonostante le migliaia di morti civili questi guerrafondai riescono ad esultare per Israele dimostrando un fanatismo peggiore di quello che accusano... Chi è l'occupante? Israele! Chi fa più morti e danni tra Hamas e Israele? Israele! Avete provocato la morte di migliaia di persone! A fronte di UN solo morto! Quella di Hamas è diventata solo una scusa. E allora, una buona volta, vergognatevi e tacete.



Lorenzo , Genova
Pubblicato mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 12:18:44

Ancora una volta la sig.ra Nirenstein riesce abilmente a trasformare un massacro di innocenti in legittima difesa. Ecco di cosa è capace l'Impero: di trasformare la realtà. Perchè nei Suoi pezzi non ci fa ricordare del fosforo bianco usato dai 'democratici' sulla popolazione civile in Libano, signora? Forse perchè non Le fa comodo? "La punizione collettiva inflitta al milione e mezzo di abitanti della Striscia di Gaza dal governo israeliano, prima tramite l'assedio e lo stillicidio di uccisioni e poi attraverso l'aggressione militare da parte di un potente esercito professionale contro una popolazione civile accusata collettivamente di dare copertura e sostegno a un gruppo di terroristi, è un crimine che nessun artifizio retorico e nessun sillogismo riusciranno a nascondere."(da: No, di Sergio Baratto e Antonio Moresco - Considerazioni e disperazioni su Gaza, Israele, Palestina, ebrei, antisemitismo, antisionismo e fascismo. http://www.ilprimoamore.com/testo_1293.html)



Pincopallo , Italia
Pubblicato martedì 20 gennaio 2009 alle ore 21:16:29

Caro Nick, forse non intendi bene l'italiano e non hai capito bene quello che ho scritto. Io non approvo Hamas come non approvo la reazione spropositata dell'esercito israeliano. Uccidere civili inermi serve solo a creare più dolore ed odio verso israele. Invitare a stare zitto chi non la pensa come te è sintomo di inciviltà, quindi non credo di aver perso nessuna occasione. Smentisci quello che ho scritto precedentemente, chiudi gli occhi un attimo e immagina come possa crescere un bambino palestinese che ha vissuto solo la guerra e non gli agi della vita di un bambino medio israeliano. Se il governo israeliano avesse voluto davvero eliminare hamas avrebbe dovuto stanare i miliziani casa x casa, cunicolo x cunicolo, ma non lo ha fatto. Se poi credi che bombardare sedi Onu, ambulanze con paramedici stranieri e scuole di rifugiati sia combattere il terrorismo allora abbiamo un concetto di vita completamente differente. E l'esercito israeliano per questo motivo si è dimostrato vigliacco. Per jochanan: 1200 morti dei quali circa 300 bambini sono messe in scena? Ma lo sai che sono stati uccisi più bambini che miliziani?



Nick Deloite , Elberton, GA
Pubblicato martedì 20 gennaio 2009 alle ore 20:12:32

PIncopallo ma dove vivi?E" colpa degli Ebrei se i Palestinesi non hanno niente?No dico con tutti i soldi dei fratelli mussulmani perche' invece di comprare razzi e armi non investono i denari per migliorare le condizioni del popolo?E' proprio vero tu, ti devi vergognare perche' dai adito ai maomettani che e' giusto rubare a chi ha sudato una vita per farsi una posizone.Le serre abbandonate a Gaza dopo la fuoriuscita degli Ebrei sai che fine hanno fatto? Per spregio sono state distrutte, invece che tentarne un recupero e 'LAVORARE".Ma per i Palestinesi e' piu ' facile piangere e attendere i miliardi di Euro pagati con i miei e i tuoi soldi, piuttosto che darsi da fare.Cosa pretendono adesso che andiamo a costruirgli le autostrade?Hai proprio mancato una occasione per restartene zitto.



jochanan , italia
Pubblicato martedì 20 gennaio 2009 alle ore 19:14:36

non sono ebreo, ma sarei stato veramente fiero di esserlo. La mia famiglia a lungo ha avuto amici ebrei. Il tempo e la guerra hanno poi cancellato tutto.Ma oggi voglio dire questo:Sono veramente stanco di vedere madri islamiche vestite di nero urlanti con le braccia al cielo. Certamente sono più telegeniche di un dolore composto. Sono stanco di vedere quelle che in buona parte sono messe in scena. Sono stanco che non venga mai sottolineata a sufficienza la politica degli scudi umani, odioso ricatto del terrorismo più bestiale.Sono stanco di chi -come a suo tempo Nasser- moltiplica per dieci i fatti a suo favore (carri distrutti, militari uccisi, dimostranti pro Hamas) e sistematicamente sminuisce quelli contrari. Sono stanco di tanta gente che si fa manipolare dai media faziosi e prende ogni assurditàper oro colato. Mi fermo perchè potrei cotinuare con la lista.Termino con un'osservazione. Nella West Bank ho avuto l'impressione che gli arabi più equilibrati fossero i cristiani, gli ultimi rimasti. direi che è proprio l'Islam ad essere la causa di tutto.



Pincopallo , Italia
Pubblicato martedì 20 gennaio 2009 alle ore 18:51:23

In una guerra è il più forte che deve cercare la pace: il più forte è Israele. I razzi kassam nell'ultimo anno hanno fatto forse un morto, il blitz israeliano 1200 in 20 giorni, colpendo più di una scuola, 7 moschee e un autista di un convoglio onu. Hanno inoltre ucciso due paramedici della mezzaluna rossa. Cosa succederebbe se in Spagna per combattere l'Eta bombardassero indiscriminatamente le scuole e le chiese basche? Ve lo immaginate? Israele, purtroppo, crea una strategia della tensione perchè è l'unico modo che ha per ricevere sovvenzioni a pioggia dagli Stati Uniti ed allargare i propri territori. I ragazzi israeliani possono tranquillamente andare in discoteca, espatriare o fare shopping negli innumerevoli centri commerciali di Tel Aviv, cosa possono fare i ragazzi (senza colpe) palestinesi? Bè, non possono espatriare, non fanno shopping però si divertono "molto" a vivere nei campi profughi e a passare da un muro per poter lavorare. Israele ha creato questa nuova tensione e la comunità internazionale, sorda e cieca come sempre, non fà nulla. Perchè non organizzare una manifestazione insieme ai palestinesi invece? Vergogna, vergogna, vergogna. siete razzisti come i fanatici di Hamas.



Jackie , texas, usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:45:16

Well done. I was so happy to see this article. I wish the u.s. left media and our left politicians showed this kind of support for israel and actually reported the truth about hamas and things like them using their own women and children as shields. i'm just really glad to see your article. good job!



Aryeh , jerusalem
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:24:45

Dear Fiamma,Very glad to hear from you, and from Sheikh Palazzi, about this fabulous demonstration, and to know that My Lady and Our Sheikh were out there on the front lines together.Aryeh



Isi Leibler , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:15:10

Dear Fiamma,Great to hear from you and look forward to meeting you on your next visit.Best,Isi



Chaya Herskovic , Jerusalem
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:14:07

Dear Fiamma,It is always a pleasure to hear from you, especially with such a message of encouragement and support at a time when we are not overly spoilt by the world in this regard. So not everyone is against us thanks to enthousiastic friends like you – bless your heart. It is really wonderful that our friends are in positions of influence to bring about a change of heart in important countries like Italy.Have a wonderful day and regards from Yerushalayim. Love,Chaya HerskovicDirector General, JCPA



Fred Krantz , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:12:21

Cara Fiamma,grazie per questa importante notizia, siamo lieti d'includere la novità sulle pagine di nostra "Daily Isranet Briefing", che è ricevuta oggi da più di 60,000 persone attraverso il mondo.



David Weinberg , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:10:22

Well done! DW



Saul Singer , Jerusalem
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:09:14

this is great to see, thanks for sending, best, Saul



Ruthie Bloom , Jerusalem
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:08:29

This is amazing, Fiamma!



Ruth Melamed , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:07:42

Thank you for everything. Thank you again.Ruth M.



Aviva Ron , Israel
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:07:00

The battle of getting the Europeans to understand is so hard and we need this support. Aviva



Elihu Richter , Jerusalem
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:06:01

fiamma, our hearts are moved by this moving event elihu



Michale Ledeen , Usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:05:07

Thanks, Fiamma, very good to see this.



David Steinman , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:04:19

Bravo, Fiamma!!! Meraviglioso, bellissimo, incantevole!!!



Ilan Sztulman , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:03:24

Brava! AbraccioIlan



Efraim Inbar , Bar-Ilan
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:02:29

i am very proud of youEfraim



Anne Bayefsky , Usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:01:32

Dear Fiamma, what an inspiration you are! Anne



Max Singer , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 18:00:32

Fiamma, You shouldn’t deny that you deserve some of the credit for the turnaround in Italy. Kol Ha’kvod Best Max



Nina Rosenwald , usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 17:59:35

Brava, Bravissima! Bravissima Fiamma!!!!! MOLTO ben fatto!!!!!!!!!! Con amore -Nina



Andrea Levin , Usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 17:58:41

Fiamma -- This is beautiful! Congratulations. XXXX Andrea



Sandra , .
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 17:57:56

Thank you Fiamma! The report is excellent! Very enlightening! Sandra and family



Norman Podhoretz , usa
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 17:57:04

This wonderful, Fiamma, and I'm sure you were the moving force behind it.



Barry Rubin , Israel
Pubblicato lunedì 19 gennaio 2009 alle ore 17:55:20

Viva Fiamma! Two more like you and we would have no problem with Europe at all! Keep up the fight. We are working hard here and appreciate the support. One day we will meet again I hope. Professor Barry Rubin



Angela , Frankfurt, Germania
Pubblicato domenica 18 gennaio 2009 alle ore 18:44:08

Thank you for the English translation. This is good news, indeed. In Germany, too, there have been violent demonstrations by beligerent Islamic organisations allied with the far left, but people - even some left-wingers - are beginning to wake up and realise that Israel's struggle is ours too. A glance at the Hamas charter reveals that they do not necessarily regard Israel as the real enemy, merely as the catspaw of Christendom. So if Israel fails, we're next. We must all stand together now!



maria , italiana
Pubblicato domenica 18 gennaio 2009 alle ore 17:15:48

E' osceno assistere ogni anno e sopratutto in ogni periodo pre-elettorale, ai teatrini che la sinistra prepara per commemorare la Resistenza, la Shoah e l'orrore del nazifascismo, e poi vedere gli stessi registi di questa comoda pagliacciata acchiappavoti bruciare disinvoltamente le bandiere israeliane, plaudire a quei palestinesi che, a parer mio, somigliano sempre di più ad un popolo di mafiosi e di zingari inconcludenti, stupidamente fieri di un fanatismo che può essere frutto solo della loro atavica ignoranza.Parole dure ho per tutti gli altri arabi, a cominciare dagli sceicchi degli Emirati Arabi, che potrebbero intervenire costruttivamente nell'educazione al rispetto e alla civilizzazione di un popolo altrimenti destinato solo a seminare morte e distruzione, sacrificando persino i propri figli, per poi piangersi masochisticamente addosso.Israele è sopravissuto alla Shoah, è sopravissuto a Satana, e risplende dell'amore di quel Dio che ha fatto si che persino Cristo nascesse da madre ebrea. Come si può negare il diritto di esistere e resistere ad Israele? Il popolo eletto da Dio, il popolo che San Paolo definisce come accolto alla fine dei tempi per la misericordia di Dio, perchè mai nella storia è tra i più perseguitati? La pena che provo è immensa, così come vi ammiro per il vostro coraggio, l'intelligenza e la forza di esistere, nonostante tutto e tutti. Che Dio converta alla pace i vostri nemici.



silvio , valencia spagna
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 23:07:41

T aspettavi una presenza piu massicciaQuindi quant' eravate pochi ?mi spiace Noi oggi a Vakencia in Spagna, dove vivo da tempo, eravamo più di 10.000.si Per la Palestina.



felice massimo , marsala/italia
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 19:55:08

grazie a persone come te, il coro dei sinistri filo palestinesi dimostra la sua vera natura antisraeliana. Figuri Incapaci di discernere tra la libertà e la follia, e per la paura dell'oggi disposti a nutrire un coccodrillo che prima o poi ci sbranerà.



Giacomo Ghielmi , Cochabamba / Bolivia
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 19:50:43

Sconcertato dalla semplicistica difesa delle azioni dell'esercito israeliano. Siamo perfettamente d'accordo che Hamas non meriti nessun tipo di supporto al suo pensiero ed alle sue azioni. Ma come potete credere che questa azione di "difesa" (io la chiamerei semplicemente guerra) faccia cambiare idea ai palestinesi e ai purtroppo molti sostenitori di Hamas? Credete che aumenti l'amore per Israele? Onestamente ho paura che la situazione si polarizzerà diventando solo peggiore. Vi ricordo la estrema disparità tra il numero delle vittime che questa guerra (dagli anni 40) ha provocato e i cambiamenti dei confini tra le due realtà. Le azioni di guerra si sono solo intensificate e aggravate, dimostrando che non è la soluzione corretta per i molteplici problemi esistenti. Speriamo di cuore che le azioni violente di questi giorni terminino, e che Hamas cessi i suoi attacchi. E che l'esercito israeliano rispetti le norme stabilite dall'ONU nella carta per i diritti dell'uomo e i diritti dei civili durante gli interventi di guerra.



Thomas & Elizabeth , Sweden
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 16:59:55

Dear Fiamma!Thank you ITALY - we knew that you Italians where the people to take a stand for the right cause and help us discriminated EU citizens get the courage to take action against our corrupt politicians & UN who praise muslim terror and flood our countries with these criminals - steel our tax money to support there rapes, robberies and murders all over Europe! This has to stop now!From some haunted Swedes with support for Israel ! Thomas & Elizabeth



Carlo Reuven Tronchi , Grosseto Italia
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 08:28:02

Cara Fiamma non avevo dubbi sul successo di questa bella e significativa manifestazione. Il mio come il tuo è abituato a provare doppie emozioni..., bene in queste serate di pura e civile solidarietà e perché no di corretta informazione, abbiamo registrato un largo consenso, tutto ciò mi induce a non perdere la speranza nella costruzione di una pace vera e giusta.shalom mazal tov.



vincenzo semeria , imperia-italia
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 01:12:04

Onorevole, Israele, si deve difendersi, non solodalla sinistra comunista, da giornalisti al soldo di Hamas; ma anche, da quelli, che a suo tempo, crearono le condizioni della Shoa, come alcuni stati europei e della Chiesa cattolica. Onore a Israele, Vincenzo Semeria



Angelo , napoli
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 01:02:04

una manifestazione di democratica e civile rappresentanza.cosa che non e' avvenuta negli studi rai di anno zero, dove gli italiani hanno assistito ad uno spettacolo fazioso, dove santoro buttava benzina sul fuoco, impedendo una razionale analisi dello stato dei fatti, limitando una qualsiasi forma di distaccato dialogo e di corretta informazione.siete ancora in tempo per chiedere l'annullamento del canone, per un servizio pubblico diventato strumento di propaganda, apertamente schierato.



maria , roma
Pubblicato sabato 17 gennaio 2009 alle ore 00:28:07

Complimenti sono veramnete felice del successo della manifestazione del 14 gennaio. Dopo tutte le assurdità ascoltate in questa squilibrata italia finalmente un po di raziocinio,forse le persone vere hanno bisogno di motivi veramnte validi per venir fuori. Con affetto Maria



Massimo. , Roma.
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 23:41:30

La volevo ringraziare; come detto ho partecipato alla manifestazione; non partecipavo ad una manifestazione dai tempi del Liceo nei primi anni '70; parafrasando Gaber avevo chiuso con la politica e mi ero "ritirato in campagna"; ma dopo molti anni, stavolta ho ritenuto che partecipare fosse la cosa giusta; a fronte dei mefitici e mortiferi rigurgiti di antisemitismo di destra e di sinistra non potevo più rimanere a casa; non so se ero l'unico non ebreo presente nella piazza ( esclusi i politi sul palco ) ma anche se fosse sono orgoglioso di esserci stato; non le nascondo che quando dalla piazza è partito Israel Israel, stavo x dirlo anch'io, non ebreo; e non le nascondoche mi sono sentito emozionato, la volevo ringraziare di avermi regalato delle emozioni che non provavo da moltissimo tempo. Sono ancora + convito di avere partecipato dopo avere visto la trasmissione di Santoro e fatto un giro in Internet dove si leggono ripugnanti insulti contro Israele e gli Ebrei, in molti siti. Israele è il baluardo della democrazia e libertà contro la barbarie del terrorismo islamico; personalmente non ho rapporti dialettici con la feccia antisemita di destra e di sinistra, però ritengo, anche in base alla Legge Mancino, che si debba agire nelle sedi opportune verso chiunque che, anche in Rete, magari nascondendosi vilmente dietro un nick o un blog, ingiuria, istiga, compie apologia dell'antisemitismo ; è arrivato il momento d'insegnare a certi esseri le regole base del confronto politico; ovviamente attraverso la legge; non è tollerabile più che in un paese civile ci sia chi riduce il confronto polito all'insulto e all'aggressione verbale e fisica; ai nazi-comunisti vanno insegnati i rudimenti della civiltà. Un saluto ed ancora grazie. ISRAEL ISRAEL, da un non ebreo.



alessandra pontecorvo , roma
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 20:48:24

Gentile Fiamma Nirenstein, la manifestazione di mercoledì è stata veramente bella e rigenerante. Trovo però che si debba intervenire con un'interrogazione parlamentare sul modo in cui l'ANSA "copre" quanto accade in Medio Oriente - in violazione di qualunque regola, anche la più elementare, del giornalismo e questo non da oggi - e ritengo che si debba proporre un boicottagio del canone Rai per protestare contro il fatto che Michele Santoro viene pagato con i soldi degli italiani. Distinti saluti



jochanan , italia
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 20:10:05

confesso di non essere riuscito a guardare tutta la trasmissione di Santoro. L'aver alzato i toni, fatto propaganda ancor più a senso unico, l'aver mutato la faziosità in odio, l'aver perso (volutamente?) la calma in fine trasmissione indicano per me una cosa sola: la manifestazione di Montecitorio ha colto nel segno. E' giunta finalmente agli italiani una voce più sincera e veridica della solita propaganda a senso unico, monopolio incontrastato di tanta sinistra. Forse anche a Santoro interessa poco la sorte dei bambini palestinesi, interessa sicuramente invece di più la possibile perdita del monopolio di certa sinistra del giudizio internazionale, dell'informazione pilotata, dei fatti da sottolineare e di quelli da sottacere. Speriamo che da cosa nasca cosa.Kadimah 'ad hanitzachon



franca spizzichino , roma italia
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 19:03:40

Carissima Fiamma grazie per essere, per lottare, per aver organizzato la manifestazione è shabbath ormai (venerdì ore 19.00) e io sono sul PC non rispettando shabbath ma non ce la faccio più. Il mio stomaco, il mio cervello non ce la fa più le bugie, l'odio che vedo e sento intorno a noi fa varcare tempo e spazio e mi ritrovo con l'anima che vaga Maccabei, Greci, Romani,Sumeri Babilonesi ( credo di aver messo alla rinfus tempi e luoghi) la chiesa e ora un miliardo e mezzo di pazzi furiosi,mostri con 100 gambe e poche teste. Comunque ti volevo salutare e dirti ancora grazie per avermi fatto sventolare la bandiera di Israele, shabbath shalom con tanto affetto e gratitudine e ah che il D-o del popolo ebraico stia sempre con noi amenFranca spizzichinoFranca Spizzichino



luciano sergiampietri , pisa
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 18:05:35

io amo israele!



maurizio iemma , italia
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 17:51:02

Gentile Signora Nierenstein,la storia, diceva Marx, si ripete sempre due volte, la prima come tragedia, la seconda come farsa.Gaurdando ieri sera Santoro esibire in tv i cadaveri dei bambini palestinesi mi è venuto di pensare ad un Goebbels alla pummarola.Anche Goebbels faceva propaganda nello stesso ripugnante modo, servendosi dei bambini tedeschi morti nei bombardamenti alleati per tentare di far dimenticare al mondo chi fossero i veri assassini.Cordiali saluti



Mara Marantonio , Bologna
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 17:49:30

Della manifestazione romana mi ha colpito soprattutto la presenza di tanti giovani: questo è un elemento consolante. Purtroppo però c'è ancora tanto pregiudizio contro Israele, tanta commozione a senso unico. Lasciata da oarte la considerazione che nessuno ha mai detto una parola, che una, in difesa dei bimbi israeliani fatta a pezzi negli anni (forse perché non sono bimbi....), non ci si domanda quale sia la ragione per la quale tanti bambini di Gaza restino uccisi; non si pensa al Moloch che esigeva un milione di piccoli martiri per Gerusalemme. Nessuno protestava, né si commuoveva, allora. Tanti non fanno una piega, ora, davanti a certi filmati in cui i bambini, cui si lava il cervello, vengono indottrinati per diventare macchine da guerra.Forse Israele avrebbe dovuto intervenire prima: il cancro va estirpato quando è picccolo e inoltre "loro" un certo successo mediatico l'hanno ottenuto; anche se, per la verità, non così forte come in precedenza. Forse qualcuno (parlo della pubblica opinione, dell'uomo della strada) sta aprendo gli occhi. L'immagine dei terroristi ladri di bambini un po' si è fatta strada; cosa inimmaginabile pochi anni fa.



gianfranco pellegrini , milano
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 17:43:47

sempre brava Fiamma.Anche questa volta hai fatto centro con il tuo spirito ed entusiasmo.Gli Ebrei in Italia sono sempre troppo pochi, ma rappresentano un'etnia vecchissima, forse la più vecchia in Italia,ma non si può più continuare a parlare di Ebrei, bisogna parlare sempre e solo di Italiani di confessione ebraica.Israele deve ora entrare nella Nato.



davide levi , holon, israele
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 17:36:57

Brava Fiamma, ti ricordo sempre con affetto e il Signore Benedetto ti protegga sempre!Grazie per tutto quello che fai per Israele



elena steingardt , bologna /italia/israele/
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 17:19:00

guardiamo sempre le manifestazione propalestinesi, contro israele, le bandiere bruciate, i bambini uccisi......ma done sono le immagini delle manifestazioni al sostegno di israele che si sono tenuti a londra in trafalgar square, a berlino, a parigi, a oslo?????certo quando la gente, scusatemi, ignirante, che diciamo non sa da che parte sta vede solo "le povere vittime" palestinesi e le immagini del'odio verso israele che parte prendera' secondo voi??? c'e' tanta propoganda propalestinese e niente propaganda proisraeliana perche' pensiamo che e' normale vedere non solo la cima del'iceberg ma anche la parte sott'acqua invece non e' cosi'!!! l'annozero di ieri e' la prova pura della propaganda diretta alla gente ignorante!!! piu' manifestazione per israele con piu' fatti reali magari aiuterano a far capire alla gente "non vedente" quale e' la verita' e vedere come e' un'iceberg intero e non solo la sua cima!!!!! non e' che simao pochi, il problema e' che non ci vedono!! piu' gente conosco piu' mi rendo conto che la magior parte degli'italiani e' PER Israele perche' capiscono come stanno le cose veramente sia in israele che in palestina ma il fatto che non lo urlano ad ogni angolo si fa sembrare che siamo in minoranza!!! Comunque non mi stanchero' mai di ringraziare Fiamma Nirenstein e tutti che sono venuti alla manifestazione per dare il suo "pro", per far sventolare le bellissime bandiere di Israele, per dire le parole importantissime, per far capire al tutto il mondo che non siamo pochi!!!



Nick Deloite , Elberton GA
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 15:58:01

La miglior risposta all'asse del Malecomunista-maomettano.Sempre cosi' cara Fiamma.Fermi e pronti contro le sfide del Male!



Daria , Roma-Italia
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 14:41:10

Io mercoledi scorso sono stata in Piazza Montecitorio ad assistere a questa manifestazione eccezionale, per la quale vorrei sentitamente ringraziare la Sig.ra Nirenstein, che, come sempre, ha avuto il coraggio di difendere Israele.Ho trovato riscontro in tutto ciò che Lei ha espresso, in particolar modo quando ha detto che affermare la propria solidarietà e vicinanza ad Israele significa provocare delle frizioni o addirirttura delle liti con persone che si consideravano amiche o -come nel mio caso- con i propri familiari.E' triste vedere intorno allo Stato ebraico tutto questo odio, questo disprezzo, che sembra essere quasi indistruttibile.Fortunantamnete, la manifestazione di mercoledi scorso ha dato un segnale diverso e, anche se sarebbe stata auspicabile una presenza ancora più massiccia, si è fatto capire che chi sostiene Israele non è disposto a starsene con le mani in mano e subire passivamente gli attacchi di chi non capisce o,peggio, non vuole capire.Non riusciranno a farmi sentire in colpa (o un'assassina; una nazista; una fascista; una criminale....) per il fatto di dare la mia totale solidarietà ad Israele, per il fatto di schierarmi dalla sua parte, proprio no.Cosa dire di coloro che manifestano per i "poveri palestinesi" e che,così facendo, non si rendono conto di stare contribuendo alla causa di Hamas?Sarò pazza, ma ORA manifestare per la palestina , secondo me, significa solo rafforzare i terroristi e non aiutare " i poveri civili inermi": se davvero a questi pacifisti stesse a cuore la sorte della popolazione palestinese, dovrebbero, con un atto di coerenza, scendere in piazza con noi e sostenere Israele.Ma a me sembra che si vada sempre più verso la follia: che dire dell'iniziativa della Facoltà di Fisica della "Sapienza" in Roma di interrompere ogni rapporto con gli Istituti di Ricerca israeliani?Come definireste questa situazione?



Andrea , Como
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 12:19:37

Sfortunatamente in Italia esistono ancora personaggi come Michele Santoro, che nella sua trasmissione annozero del 15.01.2009 - condotta col consueto irritante faziosismo - continuano a fare pseudo-giornalismo a 180 gradi contribuendo alla disinformazione e alla distorsione della realta'.Mi auguro che anche personaggi come lui (che forse cercano di tener viva la fiammella della contrapposizione ideologica sinistroide) vengano definitivamente allontanati e sostituiti con persone piu' equilibate.



elena steingardt , bologna / israele
Pubblicato venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 12:14:42

CARISSIMA FIAMMA!!! GRAZIE!!! GRAZIE!! E' STATO BELLISSIMO! IL CUORE E' PIENO DELLE EMOZIONI FORTISSIME!! ISRAELE NON E' SOLO COME OGNI TANTO PUO' SEMBRARE!! ISRAELE SIAMO NOI! ISRAELE HA NOI!!!HO PIANTO INSIEME CON TANTE ALTRE PERSONE CHE ASCOLTAVANO LE PAROLE COSI' GIUSTE E COSI IMPORTANTI! E GRAZIE A TUTTI VOI PER IL VOSTRO SOSTEGNO, PER LA VOSTRA INTELLIGENZA, PER LA VOSTRA CULTURA!!!! FINCHE CI SIAMO C'E' ISRAELE!!! GRAZIE